MODA ITALIANA IN MOSTRA: 30 ANNI DI RICORDI E ISPIRAZIONI

Italiana. L’Italia vista dalla moda 1971-2001

 

Italiana. L’Italia vista dalla moda 1971-2001 mostra Palazzo Reale

 

 

Ho appena visitato la mostra intitolata “Italiana. L’Italia vista dalla moda 1971-2001” al Palazzo Reale di Milano.
Ne sono rimasta piacevolmente colpita e ho deciso di raccontarvi il perché.

 

UN VIAGGIO NEL PASSATO

 

Nelle nove stanze della mostra ci si trova circondati dai ricordi, da quei capi e stili che facevano parte della nostra vita e che ci hanno accompagnato verso il nuovo millennio e le nuove scoperte. Come ad esempio la t-shirt con gli angeli di Fiorucci, il cappotto di Max Mara, la Baguette di Fendi o la felpa Best Company.
Ognuno di noi ha la possibilità di vivere questo viaggio nel passato in modo personale. Chi si ricorda bene tutto il periodo trattato, chi come me ha ben impressi nella mente gli anni ’90 e persino chi in quegli anni non era ancora nato.
Per i millennials sarà affascinante poter scoprire il grande legame della moda di quel periodo con la moda attuale. Magari per i giovani di oggi i pantaloni a vita alta sono una sorta di ribellione rispetto quelli a vita bassa portati per anni dalle loro madri. Certi capi sembrano provenire dalle ultime sfilate, come il pantalone a vita alta e la camicia bianca di Gianfranco Ferrè oppure l’abito rosso a pois bianchi di Valentino Boutique.

 

Italiana. L’Italia vista dalla moda 1971-2001 mostra Palazzo Reale

Valentino Boutique (seconda metà anni settanta)

 

I MIEI RICORDI

 

Quelli che mi ricordo molto bene sono gli anni ’90. Ero appassionata di moda, non mi facevo sfuggire nessun programma tv sulle sfilate e collezionavo le riviste. È stata proprio questa passione che mi ha portata a Milano dove ho scoperto da vicino tutte le sfumature del mondo della moda. E successivamente ho potuto farne parte lavorando come modellista per una delle più illustri case di moda italiane. Con il tempo mi sono resa conto che non è sempre un mondo cosi fiabesco come appare nelle sfilate, dietro c’è tantissimo impegno e lavoro di molte  persone. Ma non ho mai perso la mia  passione per gli abiti e per la moda, quella non smette mai di affascinarmi.

 

Italiana. L’Italia vista dalla moda 1971-2001 mostra Palazzo Reale

Romeo Gigli, Gianfranco Ferré.

 

ISPIRAZIONI

 

Osservando gli abiti esposti si possono trovare moltissime ispirazioni. Non a caso certi modelli vengono riproposti continuamente. Dopo tutto questi sono i capi creati dai più grandi maestri della moda italiana! Non si possono non apprezzare la qualità dei materiali e la grande cura dei dettagli di queste eccellenti opere del Made in Italy.

 

LA MOSTRA

 

L’esposizione è stata sviluppata dalla Camera Nazionale della Moda Italiana in collaborazione con Palazzo Reale, e curata da Maria Luisa Frisa e Stefano Tonchi.

Qui potete trovare il sito ufficiale della mostra Italiana. L’Italia vista dalla moda 1971-2001

E’ allestita a Palazzo Reale, a Milano in piazza Duomo.

BIGLIETTI

Il prezzo alla cassa è di 5 euro. È possibile acquistare i biglietti online ma secondo me non è necessario.
Noi siamo andati di domenica pomeriggio e non abbiamo trovato coda.

FINO AL 06.05.2018

Se vi capita di essere a Milano entro il 6 maggio 2018 e siete interessati alla moda vi consiglio di visitarla 🙂

 

 

Italiana. L’Italia vista dalla moda 1971-2001 mostra Palazzo Reale

Enrico Coveri

 

 

MARSUPIO A COSTO ZERO IN 2 MOSSE

COS’È LO SLOW FASHION?

FORME DEL CORPO: QUAL’È LA TUA?

COSA INDOSSARE IN UFFICIO D’ESTATE

Ogni anno quando arriva il grande caldo, ci poniamo questa domanda:

COSA INDOSSARE IN UFFICIO CON IL CALDO ?

Sulle strade qualche volta possiamo vedere look quasi da spiaggia e la tentazione di scoprirsi è tanta…

Se lavoriamo in ufficio dobbiamo vestirci in modo adeguato.
Lo sapevate che in alcuni luoghi di lavoro l’aria condizionata viene impostata in modo tale da far “coprire” i dipendenti ?

In certi settori più formali il datore di lavoro ci impone un dress code preciso. Negli ambienti meno formali spesso questo aspetto viene lasciato al nostro buon senso e possiamo trovare qualche difficoltà nel capire quali siano le regole fondamentali.

COSA NON INDOSSARE ?

Principalmente dobbiamo evitare il tipico abbigliamento da spiaggia:

  • infradito in gomma
  • pantaloncini corti
  • gonne cortissime
  • abitini da spiaggia

COSA INDOSSARE ?

Quando le idee scarseggiano ci viene in mente un capo universale come il tubino nero. Certo, con quello è impossibile sbagliare!
Ma negli ambienti meno formali possiamo sceglierlo anche nei colori più estivi e con qualche fantasia.

 

Il top con il pantalone o la gonna sarà leggermente meno elegante di un abito, ma ci permetterà di giocare con gli abbinamenti.

 

Anche una t-shirt bianca ci permetterà di creare un look pratico ma allo stesso tempo ordinato.

Spero di avervi dato qualche idea per i vostri outfit d’ufficio e che possiate presto partire per le vacanze sfoggiando un bel look da spiaggia in tutto relax 😉

(Image source: pinterest, zalando.it)

 

FAI DA TE: LA CAMICIA DA UOMO DIVENTA UN ABITINO

PER VEDERE IL VIDEO su YouTube CLICCA QUI

Finalmente in questi giorni è arrivato il bel tempo cosi tanto atteso!

Diamoci da fare e trasformiamo una camicia da uomo in un abitino estivo!
Un modello che lascia le spalle scoperte sarà perfetto per il tempo libero e da portare al mare 🙂

 

Abbiamo bisogno di:

  • camicia da uomo
  • elastico
  • spilla da balia
  • matita
  • forbici per tessuto
  • filo
  • macchina da cucire

Mi è capitato di vedere alcuni tutorial presenti in rete che fanno vedere di tagliare procedendo con la linea dritta anche sulla manica.
Non fatelo! In questo modo sulla manica si forma un angolo che rende molto difficile la creazione del tunnel per l’elastico e il tessuto sulla manica tira come nella foto sotto.
Tagliate come disegnato con la linea viola nella foto sopra e alla fine raddrizzate leggermente.

image from Pinterest

Potete vedere meglio tutti i passaggi guardando questo video 🙂

Potete tagliare anche la manica e trasformarla (come ho fatto io con la camicia a righe) oppure lasciarla come prima (camicia azzurra).

 

Buon lavoro!

Se volete vedere come ho realizzato la cintura bianca della foto, utilizzando un paio di jeans guardate questo video!

 

Potrebbero interessarti anche

FAI DA TE: TUTORIAL APPLICAZIONI IN STOFFA

TUTTO SUL CHOKER: LA COLLANA GIROCOLLO CHE È TORNATA DI MODA

 

FAI DA TE: TUTORIAL APPLICAZIONI IN STOFFA

 

Alcune di voi dopo aver letto il post JEANS PERSONALIZZATO: CHE PARLA DI TE!
mi hanno chiesto come ho fatto a realizzare la mia scritta personalizzata.
Non potevo spiegarvelo velocemente nei commenti, e allora eccovi il tutorial che vi avevo promesso  🙂

Ho registrato anche un video che potete trovare su: https://www.youtube.com/watch?v=c1JYqT81N8A&t=0s

COME CREARE UN PATCH FAI DA TE?

Abbiamo visto nel post precedente come le applicazioni tipo patch stiano dominando la moda di questa stagione.

Se non vogliamo utilizzare i patch già pronti e desideriamo creare qualcosa di originale e personalizzato, come una scritta o un disegno, cosa possiamo fare?

 

Di cosa avete bisogno:

  • disegno
  • stoffa
  • carta termoadesiva (chiamata anche stabilizzatore biadesivo per applicazioni)
  • forbici
  • ferro da stiro
  • filo

  1. Riportate il vostro disegno sulla carta termoadesiva (lato senza la colla). Se si tratta di una scritta dovete ricalcarla dal rovescio. Posizionate la carta sulla stoffa. Il lato adesivo della carta va sul rovescio della stoffa. Il pezzo di stoffa deve essere leggermente più grande della carta.
  2. Fissate con il ferro da stiro caldo per qualche secondo. Non insistete troppo a lungo altrimenti la colla potrebbe sciogliersi troppo. Stirate su entrambi i lati.
  3. Ritagliate la vostra applicazione.
  4. Staccate la carta.
  5. Posizionate la vostra applicazione.
  6. Fissate con il ferro da stiro.
  7. Se non avete la possibilità di utilizzare la macchina da cucire potete attaccarla a mano.                                                                                           Nelle foto seguenti vi mostro come realizzare a mano il punto festone.


7a. Con la macchina da cucire potete usare il punto festone o anche lo zig-zag.

Se avete domande scrivetemi nei commenti.
Fatemi sapere come sono venute le vostre creazioni 🙂
Buon lavoro!

 

Potrebbero interessarti anche

TUTTO SUL CHOKER: LA COLLANA GIROCOLLO CHE È TORNATA DI MODA

CALZE E COLLANT: ABBINAMENTI CON STILE

 

 

JEANS PERSONALIZZATO: CHE PARLA DI TE!

Con l’arrivo delle giornate primaverili abbiamo cominciato a tirare fuori dall’armadio i capi chiave di ogni mezza stagione come il giubbotto in jeans.
Il solito denim che non passa mai di moda? Niente affatto!
Ora il tuo giubbotto parlerà di te! La parola d’ordine è:

PERSONALIZZARE!
(C’è chi utilizza anche il termine di origine inglese customizzare, ma a me personalmente sembra troppo artificiale…)

Possiamo finalmente provare ad esprimere la nostra creatività e indossare dei capi unici, capi che ci contraddistingueranno.

Ci basterà prendere un capo in jeans e applicare toppe, patch, realizzare scritte, disegni o ricami.
In commercio si trovano tantissime toppe che si attaccano con il calore del ferro da stiro (è meglio fissarle anche con una cucitura, per evitare che si stacchino durante il lavaggio).

Io ho realizzato il mio giubbotto personalizzato un anno fa (lo potete vedere nella prima foto), applicando qualche patch e la scritta The Fashion Cream sulla schiena 🙂

In queste foto potete vedere alcuni esempi di capi personalizzati.

Lasciatevi ispirare!

Alla Rinascente di Milano si trova addirittura un laboratorio (in collaborazione con Istituto Europeo del Design) pronto a realizzare le nostre idee più’ fantasiose 🙂

(Image source: vogue.it, pinterest)

Potrebbero interessarti anche

TUTTO SUL CHOKER: LA COLLANA GIROCOLLO CHE È TORNATA DI MODA

CALZE E COLLANT: ABBINAMENTI CON STILE

FOULARD, FASCE E BANDANE: ACCONCIATURE ESTIVE PER CAPELLI

 

thefashioncream_kasiachmara

No, non ho rinunciato del tutto al cappello, il mio copricapo preferito, ma quest’estate mi sono innamorata della fascia foulard!
Il foulard è stato rilanciato sulle passerelle e scelto da diverse celebrità. Ora è diventato l’accessorio più trend del momento.
Comodissimo da portare in vacanza: occupa poco spazio e si lava facilmente.

Sono sicura che in questo post troverete qualche ispirazione per la vostra originale acconciatura estiva.

7 MODI PER INDOSSARE UNA FASCIA FOULARD IN TESTA:

1. Chignon alto e spettinato con fascia colorata annodata a fiocco.

dolce___gabbana_2016

Dolce&Gabbana

rihanna

Rihanna

Taylor-Swift1

Taylor Swift

Gwen-Stefani

Gwen Stefani

lo-chignon-con-la-fascia-foulard

ciuffo-e-raccolto-alto-con-fascia

 2. Fascia foulard effetto turbante.

turbante d&g

Dolce&Gabbana

Turbante-intrecciato-nero-Gucci-SS-2016.

Gucci

turbante ferrani

fascia-foulard-e-chignon-spettinato

3. Con capelli lunghi e sciolti.

mosso-naturale-ad-onde-e-foulard-fascia

boho

katy perry

Katy Perry

 

4. Fascia annodata sopra la nuca che ricade sulle spalle, con chignon, torchon o con capelli corti.

d&g

Dolce&Gabbana

il grande Gatsby

Il Grande Gatsby

foulard capelli

cara d

 

5. Chignon raccolto da una fascia colorata.

fascia-per-raccogliere-maxi-chingon-sui-capelli

foulard-per-capelli-dolce-gabbana

Dolce&Gabbana

 

6. Fascia tra i capelli alla Brigitte Bardot.

fascia-capelli-alla-brigitte-bardot

outfit estate (6)

 

7. Treccia con foulard.

treccia-con-foulard-a-fascia

hermes

Buon divertimento e buone vacanze!

 

(Image source: vogue.com, pinterest)

 

 

Pin It on Pinterest